La penna degli Altri 04/03/2023 09:00

Riscossa Pellegrini

pellegrini cremonese roma

IL TEMPO (L. PES) - Una notte per il riscatto. Domani all'Olimpico arriva la , per una sfida che assume le tinte dell'occasione di rivalsa. Quella della Roma, in primis, che deve cancellare al più presto l'indecorosa sconfitta maturata a Cremona contro l'ultima in classifica e ancora a zero successi dopo ventitré giornate di campionato. I giallorossi rischiano di perdere il treno in caso di mancato successo e, se dovessero perdere, vedersi avvicinare la a sole sei lunghezze. Ma la gara contro i bianconeri può rappresentare una svolta anche per il capitano dei giallorossi. Lorenzo Pellegrini non sta vivendo la sua annata migliore, e in città si comincia (nuovamente) a mormorare sul rendimento del centrocampista, che però Mourinho schiera praticamente sempre, anche quando non è al massimo della condizione. Se la scorsa stagione (proprio dopo le parole del tecnico: «Se ne avessi tre li schiererei tutti») è stata quella della consacrazione, con cifre importanti, quest'anno i numeri raccontano un Pellegrini in grande difficoltà. Soltanto due gol in campionato (entrambi su rigore) e cinque assist, ai quali vanno aggiunti i tre gol (due dal dischetto) e tre assist in Europa League. In questo periodo, la stagione scorsa, Lorenzo aveva già segnato sei dei nove gol in campionato, e si accingeva a regalare 4 punti ai giallorossi grazie al rigore di Udine e alla splendida punizione nel derby. Tra l'altro, in Serie A, il gol su azione manca da una vita: era il 3 ottobre 2021 quando il capitano portò in vantaggio la Roma all'Olimpico nel match contro l'Empoli, che vedrà poi la vittoria per 2-0 dei padroni di casa. Proprio contro la in casa, nel clamoroso 3-4 di un anno fa, Pellegrini visse la serata più incredibile e conroversa della sua carriera. Prima insacca sotto l'incrocio dei pali la meravigliosa punizione del 3-1, in una notte che sembrava speciale per la Roma e i suoi tifosi, poi, dopo la rimonta della , ha l'occasione di limitare i danni e pareggiare il match. Ma dal dischetto il capitano giallorosso non è freddo e gli respinge il calcio di rigore. Sulla ribattuta ancora un'occasione di segnare, ma Lorenzo sbaglia di nuovo. Da quella serata, poi, la squadra e il suo capitano sapranno riprendersi, concludendo la stagione con un trofeo europeo. Ma domani Pellegrini e la Roma dovranno invertire l'ordine degli eventi: dalla caduta verso la risalita. Rialzarsi dopo il ko dello Zini e confermarsi in zona regalando ai tifosi una partita da ricordare. Il trascinatore, stavolta, può essere proprio il capitano, che ora deve dare una sterzata importante alla sua stagione. Un'occasione per spegnere le polemiche e riprendersi la sua Roma.

Clicky