La penna degli Altri 09/09/2019 07:25

Mkhitaryan-Dzeko: capitani contro. E lo show di Yerevan fa felice la Roma

IL MESSAGGERO (G. LENGUA) - Paulo Fonseca si è sfregato le mani nel vedere in tv lo show andato in scena al Republican Stadium di Yerevan tra Armenia e Bosnia (4-2), in cui Mkhitaryan e - specie il primo - hanno dato spettacolo per portare le rispettive Nazionali verso Euro 2020. Entrambi in campo con la fascia di capitano si sono dati battaglia: ad aprire i giochi il neo acquisto di Petrachi che dopo soli tre minuti ha portato i padroni di casa in vantaggio.

 
PRODEZZE - Una partita magnifica la sua, che ha reso ancora più frenetica l'attesa dei tifosi romanisti nel vederlo in campo con la maglia giallorossa: nel primo gol ha messo a sedere il avversario nell'area piccola calciando di potenza la palla in rete; il secondo è arrivato dopo una fitta rete di passaggi a centrocampo che hanno avuto come destinatario finale proprio Henrikh, il quale ha raccolto la palla dal limite e dopo una percussione in area l'ha piazzata sotto l'incrocio. Non solo gol per l'ex , ma anche un assist e un autogol procurato allo scadere. A dare la sensazione di quanto l'armeno potrà aiutare la Roma, è proprio quella sua capacità di addomesticare il pallone sulla fascia con una rapidità disarmante, innescare la quinta e crossare con estrema precisione al centro, lasciando alla punta l'unica incombenza: spingere la palla in rete. Qualità che sono venute a mancare alla Roma dopo la cessione di allo Shanghai Shenhua, l'infortunio di a inizio stagione (fuori due mesi) e la scarsa personalità di Kluivert dimostrata nei match contro e Lazio. L'attacco messo su da Petrachi negli ultimi giorni di mercato può essere dirompente e portare al club di decine di gol, rendendo più semplice la scalata verso il quarto posto. Anche se messo in ombra, ha regalato una falsa illusione ai tifosi bosniaci trovando il pareggio dopo appena 10 minuti dal primo gol di Mkhitaryan. A poco è servito perché la sconfitta ha portato alle dimissioni del ct della Bosnia Prosinecki.

 
SQUADRA AL COMPLETO - Ad agosto, quando tutto sembrava finito, Edin ha rinnovato con la Roma e la felicità dimostrata dai tifosi dovrebbe dare una nuova carica all'attaccante che, a differenza di quanto accaduto lo scorso anno, non dovrà caricarsi sulle spalle tutta la responsabilità del reparto. L'acquisto di Kalinic, infatti, gli renderà la vita più facile dandogli la possibilità di rifiatare nei momenti più intensi, se poi Mkhitaryan dovesse trovare lo stesso feeling che ha in Nazionale con i compagni di squadra a Trigoria, allora il gioco è fatto. Ovviamente segnare non basta, per questo Fonseca sta lavorando sulla difesa che va ancora registrata. Difficile vedere cambiamenti radicali contro il già domenica, anche perché solo da domani il tecnico avrà per la prima volta tutta la rosa al completo da quando è sulla panchina della Roma.