La penna degli Altri 18/08/2019 09:15

Non c'è Roma senza Dzeko

IL TEMPO (F. SCHITO) - L'ultimo test amichevole della Roma regala un'altra vittoria (1-3) alla squadra di Paulo Fonseca. Il tecnico portoghese riparte dalla certezza del suo precampionato, quell' fortemente voluto e su cui ha sempre puntato. Il bosniaco ha ripagato con un gol, qualche errore sotto porta, una prestazione meno brillante di quella con il e un pizzico di nervosismo in più, ma con la consapevolezza che il suo futuro sarà giallorosso. Il primo tempo contro l'Arezzo non è particolarmente brillante, con che rischia di regalare un penalty agli aretini - pestone su Cheddira non ravvisato dall'arbitro - e Zaniolo che sfiora il vantaggio pressando Pissardo che va vicinissimo a infilarsela in rete. L'occasione migliore della prima frazione nasce dai piedi di Under che esplode un tiro dalla distanza che si stampa sul palo: inutile la ribattuta di , resa vana dalla posizione di fuorigioco dell'argentino. Giallorossi ancora vicini al vantaggio con una conclusione di Zaniolo respinta dal difensore centrale aretino Sereni. Tutti i gol del match arrivano nella ripresa: prima il rigore trasformato dal solito per un fallo di Baldan su Zaniolo, poi la rete di Belloni, sempre dagli undici metri, per un'entrata scomposta di Mancini subentrato all'intervallo. A decidere il match è , fresco di rinnovo che sale in cattedra, sbaglia un paio di occasioni facili facili e si inventa un gol del suoi lasciando a guardare l'incolpevole Daga, subentrato nella ripresa, fino a
quel momento impeccabile. Trovato il nuovo vantaggio, la Roma trova anche una certa leggerezza mentale che le permette di giocare senza troppi pensieri. Nei minuti finali ci pensa
Kluivert a chiudere i giochi sfruttando un tiro di Antonucci soltanto deviato dal . «Loro sono una buona squadra - le parole di al termine del match ai microfoni di Roma Tv - hanno giocato bene e ci hanno messo in difficoltà. È stato un bel test,
nei primi minuti non si è vi sta la squadra che è scesa in campo con il ma poi siamo cresciuti». Le sensazioni peri protagonisti sono positive e tra sette giorni si comincia a fare sul serio. «Abbiamo giocato contro tante squadre forti - ha proseguito l'esterno argentino - e siamo andati sempre bene, magari ci manca ancora un po' di fisico, le gambe a volte non vanno come uno vuole ma arriviamo al meglio in questo inizio di stagione, pronti per il ». Fonseca chiede agli esterni di attacco di stringere spesso: «E una maniera di giocare che ti fa stare più vicino all'attaccante e alla porta, abbiamo più possibilità di fare gol. Stiamo facendo quello che vuole il mister».