La penna degli Altri 30/07/2019 08:46

La grande fuga dallo Stadio: lascia il cda del post-Parnasi

IL MESSAGGERO (L. DE CICCO) - Eurnova, la società di Luca che dovrebbe costruire il nuovo stadio a in asse con James , è senza guida: il cda si è dimesso in blocco. Era stato nominato solo un anno fa, subito dopo lo tsunami giudiziario, l'inchiesta per mazzette che nel giugno 2018 ha portato all'arresto del costruttore e che a marzo ha squassato anche il Campidoglio grillino, con le accuse al presidente del Consiglio comunale, Marcello De Vito. La missione dei nuovi manager era ostica: provare a tenere in vita un progetto sbalestrato non solo dalla tormenta delle indagini ma anche da una ridda di falle tecniche, un lungo elenco di correzioni e prescrizioni tutte messe nero su bianco dalla Conferenza dei servizi della Regione. Per non parlare dello scetticismo sempre più marcato dei grillini, che in ultima analisi dovrebbero votare il condizionale è d'obbligo la maxi-variante urbanistica che concederebbe ai privati centinaia di migliaia di cubature in più rispetto al piano regolatore. Negozi, alberghi, uffici, ristoranti: il vero core business, fin dall'inizio, dell'operazione stadio.

 
LA DECISIONE - Il presidente della Eurnova Riccardo Tiscini, l'amministratore delegato Giovanni Naccarato e il consigliere d'amministrazione Giovanni Sparvoli hanno rimesso il mandato nelle mani della proprietà giovedì sera, anche se la notizia è trapelata solo ieri. Alla base della decisione c'è l'impossibilità di proseguire il lavoro in una società che ha urgente bisogno di liquidità, impegno a cui ora i hanno promesso di far fronte. Tocca vedere come.
da mesi ha fatto capire di voler comprare i terreni di . Il 16 febbraio scorso una delegazione della Eurnova era volata negli States per buttare giù il contratto ed era tornata in Italia con un accordo di massima. Quella stretta di mano prevedeva la vendita del pacchetto a 105 milioni di euro, anche se il manager americano avrebbe dovuto versarne 9 nella prima fase. Una sorta di caparra, aspettando le mosse del Campidoglio. Queste erano le condizioni trattate con Eurnova. Ma la seconda retata di arresti, che ha coinvolto anche De Vito, ha ulteriormente rallentato l'iter di approvazione in Comune. E anche , a quel punto, ha schiacciato il freno, optando per la cautela. Risultato: la Eurnova non ha mai incassato quella caparra a svariati zeri. Per tenere in vita la società servirebbe quindi, subito, nuova liquidità, come ha fatto capire l'ormai ex Cda rassegnando le dimissioni. Giovanni Naccarato, commercialista, revisore legale, manager di grande esperienza, specializzato in ristrutturazioni aziendali, oltre che dell'ospedale Israelitico, resterà come consulente del progetto, insieme all'altro membro del consiglio d'amministrazione, Giovanni Sparvoli.

 
LA PARALISI - Ma quale progetto? In Comune le riunioni con i tecnici del Dipartimento Urbanistica, fondamentali per stilare la bozza della variante, sono tutte sospese. Senza contare che tra i consiglieri grillini circola da due settimane un nuovo parere legale, chiesto dal M5S della Regione Lazio, che smonterebbe pezzo per pezzo l'operazione. Lo ha chiesto una big dei 5 Stelle romani, la capogruppo alla Pisana, Roberta Lombardi, che da tempo spinge per tornare alla linea delle origini. E cioè: no a . Il parere lo dice dritto: «Non sussistono le condizioni di fattibilità per la realizzazione dello Stadio». Quindi non solo «la negazione del progetto non esporrebbe i consiglieri comunali ad alcuna forma di responsabilità ma al contrario eventuali responsabilità per danni potrebbero configurarsi nell'ipotesi di incondizionato assenso ad una operazione economico-urbanistica che potrebbe rivelarsi insostenibile».