}

Coppe europee 30/05/2023 19:54

Siviglia-Roma, Mendilibar: "Roma difficile da affrontare, già deciso l'undici" - Rakitic: "Ci aspetta una grande squadra" - Jesus Navas: "La finale è il massimo"

jose luis mendilibar

Nella sala stampa della Puskás Aréna si è svolta la conferenza pre-partita del Siviglia, in vista della sfida di domani contro la Roma che decreterà chi alzerà al cielo l'Europa League 2022/23. Queste le parole del tecnico José Luis Mendilibar, alla sua prima finale da allenatore:

Cos'ha di speciale il Siviglia per aver vinto sei Europa League in sei finali?

"Quando sono arrivato la società aveva già fatto qualche partita del girone, non è solo un mio merito da quando sono qui. La storia non mente. Il Siviglia in questa competizione è stata la migliore, ci sono i titoli a dimostrarlo. Quando arrivi qui la gente non si accontenta di salvare solo la categoria, ma ti dice che Budapest è lì. Abbiamo saputo giocare contro due squadre difficili e domani lo rifaremo contro un'altra molto difficile, ma con le nostre armi possiamo batterle".

Cosa pesa di più in una partita come questa, la maggiore esperienza di un allenatore, la storia o il budget?

"È una partita. Va tutto molto bene, possiamo metterlo sulla bilancia. Entrambi abbiamo raggiunto meritatamente la finale ma sarà sicuramente difficile per entrambe le squadre. È la prima situazione così per me, non per Mourinho. Ma in momenti come questi anche il budget e tutto il resto non contano molto. Gli errori si pagano in finale e noi dobbiamo avere ragione".

Mourinho ha usato parole al miele per te e il Siviglia. Ti sta dando un calcio?

"Ha i capelli grigi davanti a me. Sono grato per quello che dice ma non vince la storia, nemmeno i complimenti. È l'avversario più difficile, per questo è in finale. È un campo neutro e la squadra che commetterà il minor numero di errori vincerà. Sappiamo come giocheremo e come giocheranno loro. Non cambieremo la nostra idea".

Come affronti il ​​pensiero di non conoscere il tuo futuro?

"Non mi interessa. Ho firmato per due mesi e mezzo, sono arrivato al Siviglia da disoccupato, il contratto scade il 30 giugno ma il lavoro finisce domenica prossima. Cerco di giocare questa finale per poi finire all'Anoeta nel miglior modo possibile in campionato. Vedremo cosa succede ma non sono affatto preoccupato".

Mourinho ha detto che il Siviglia è favorito. Pensi che sia un'arma a doppio taglio?

"È lo stesso per me, non ci penso. Qualcuno è in vantaggio per i bookmakers ma questo non si traduce sul campo. Cerco di mantenere i miei giocatori il più calmi possibile e ognuno tirerà fuori il meglio di sé".

Hai deciso l'undici?

"Se non succede niente, ho deciso. Ho ragionato ed è tutto chiaro".

Cosa la preoccupa di più della Roma?
“In difesa è una squadra molto forte e non ha bisogno di molte occasioni per segnare e vincere. Non si preoccupa molto di arrivare davanti alla porta avversaria, in questo senso non sono come noi. Si sentono a proprio agio a difendere vicino alla loro zona. È una squadra difficile da sfidare, raramente si innervosiscono anche col passare del tempo. E con questa tranquillità dobbiamo giocare anche noi”.

Cosa ha provato quando è entrato nello stadio? Dormirà poco?
“Dormirò bene. Ho sonno, mi sono alzato presto. Quando arrivi in questi campi sapendo la partita che stai per giocare ti entra qualcosa dentro. Meglio sentirlo ora che non arrivare domani e vederlo dall’inizio".

Ha eliminato la e lo United. Riesce a immaginare una finale simile?
“Sarà diverso. Lo United non aveva niente a che fare con la e non avrà a che fare con la Roma. Sono squadre molto forti ma diverse e con le stesse armi dobbiamo cercare di vincere anche questa. Dobbiamo stare attenti e tranquilli con la palla, se lo facciamo bene avremo possibilità di vincere”.

È già un modello per molti allenatori. Sente una responsabilità speciale?
“No, dico sul serio e lo dico sempre. Mi sto godendo il calcio da quando sono al Siviglia, mi sto godendo l'Europa League e la Liga. Nella nostra testa c'è la possibilità di vincere, ormai mi capita ogni volta che vado in campo”

Crede che il suo futuro dipenda da questa partita?
“Non credo. Se quello che abbiamo fatto finora cambierà un risultato è come il cronista che cambia l'intera cronaca con un gol al 90° minuto”.

Queste invece le dichiarazioni dell'esperto Ivan Rakitic: "È il massimo. Tutti noi che portiamo il Siviglia nel cuore sappiamo cosa significa. Non c'è niente di più bello che portare la coppa alla nostra città e alla nostra gente. La storia non è importante quando la palla inizia a rotolare, ma noi siamo qui perché ce lo meritiamo, abbiamo fatto molto bene nelle precedenti partite. È chiaro che nessuno ti regala niente, ma cercheremo di fare l'abbinamento perfetto. Quando diciamo quella frase "Nessuno la ama come noi", non è perché l'ha detta una persona intelligente al club, siamo noi che la sentiamo così. Ci alleneremo con grande entusiasmo per la partita di domani, senza pensare a quello che è successo negli altri anni". Il croato poi ha lanciato un consiglio ai giovani. "Godetevi questi momenti. Queste ore, gli allenamenti, la routine prima di ogni partita. Questo è uno spettacolo, qualcosa di unico". Il centrocampista ha poi proseguito parlando del tecnico Mendilibar"Il mister è stato molto chiaro fin dal primo giorno, si è visto fin dalla prima partita. Dobbiamo essere noi stessi, fare quello che sappiamo fare, sapendo che serve una partita perfetta". Rakitic ha quindi concluso: "In queste partite non c'è perdono, dobbiamo giocare la partita perfetta, la pressione arriva da sola. Ci aspetta una grande squadra, ma pensiamo a noi stessi".

Insieme a Rakitic e il tecnico Mendilibar era presente in conferenza il capitano Jesús Navas, che ha così dichiarato: "Speriamo di poter regalare domani la vittoria a Nema Gudelj e a Sergio Rico, che stanno attraversando momenti difficili", questo in merito alla perdita del figlio che portava in grembo la moglie del serbo e l'infortunio a cavallo del ex Siviglia: "Ho detto ai compagni che questa partita è qualcosa di unico, speciale, incredibile. Questo è il massimo, raggiungere una finale e vincere un titolo è il massimo. Dobbiamo essere noi stessi. Dall'arrivo dell'allenatore abbiamo lavorato a stretto contatto, uniti, dobbiamo essere intensi e vogliamo davvero vincere il titolo. La Roma è una squadre che gioca molto vicino, bisogna essere pazienti e intensi".

Clicky