Altre 09/06/2021 07:00

MOURINHO: "Roma? Sono emozionato, ottimo legame con i proprietari. Lavoro con loro e non solo per loro, c'è tanto da fare" (VIDEO)

In una lunga intervista concessa all'attore e conduttore britannico James Corden tramite Zoom, José Mourinho ha affrontato vari temi: dalla sua nuova avventura alla Roma fino all'esperienza conclusa ad aprile sulla panchina del Tottenham. Le sue dichiarazioni:

Come stai José? Sono un tuo grande fan...
"Non ci posso credere. Devi essere un fan di David Moyes".

Sì, è incredibile. Allora, sei emozionato per questo nuovo capitolo della tua carriera?
"Sì, lo sono. Ho sentito un ottimo legame, un'ottima empatia con le persone e con i proprietari. Non è solo la sensazione di lavorare per loro, ma con loro. Mi è piaciuto il modo in cui hanno approcciato, questo mi è piaciuto molto dei Friedkin".

Quanto tempo della tua giornata passi pensando a quanto vuoi migliorare la squadra?
"Zoom rende le cose facili. Non mi piace telefonare, mi piace vedere e sentire le persone. Parlando della Roma, qualche volta i proprietari sono in Texas. Spendo ore a parlare con le persone di differenti dipartimenti del club perché c'è tanto lavoro da fare".

I tifosi hanno visto la tua reazione al lockdown nel documentario sul Tottenham su Amazon. Era nel tuo contratto?
"Sì, ne ero informato. Ho dato loro la mia opinione. Avrebbe disturbato il nostro lavoro, ma sarebbe stata una buona cosa per il club".

La mia sensazione era che Mauricio Pochettino non volesse le telecamere lì. Sapevi che era un problema?
"No, affatto. Era una cosa che è stata fatta e non spetta a me chiedere perché o come. Gli aspetti positivi erano più importanti".

Sai quando qualcosa funzionerà o no a lungo termine. Come al Manchester United, sei venuto a Los Angeles e abbiamo registrato qualcosa per il mio show. Avevo la sensazione che tu pensassi che la stagione non sarebbe finita bene.
"Nella prima stagione al Manchester United abbiamo vinto tre trofei, ma quando ti ho incontrato volevo di più".

Ricordo che mi hai detto 'Non ho i giocatori', ed io 'No, hai questo e questo'. E tu hai detto che non era abbastanza.
"Sono molto ottimista, ma anche realista. Quando abbiamo vinto l'Europa League e la coppa nazionale, ho pensato che per il passo successivo non sarebbe stato sufficiente. In questa stagione le persone stanno dicendo 'Grande stagione, siete arrivati secondi'. Io direi 'Siamo secondi, è una brutta stagione'". 

Perché arrivare secondi è una brutta stagione?
"Mi piace il Manchester United, i tifosi sono stati fantastici con me. E penso che sia un bene per loro che un'altra stagione senza trofei sia vista come positiva. Ma  con me il livello di aspettativa dei media è completamente diverso".

Ma un po' di quella pressione la porti tu stesso...
"È una reazione. Non arrivo e dico tre o cinque. Se vuoi essere proattivo chiedimi quanti trofei ho vinto nella mia carriera, 25 e mezzo".

Perché 25 e mezzo?
"Il mezzo è la finale che non ho giocato con il Tottenham".

Sei deluso per questo?
"Certo. Avere la possibilità di vincere un trofeo con un club che non ne ha molti era un sogno".

Avevi chiesto di poter disputare la finale, vincere e poi andare via?
"Non sta a me prendere questa decisione".

Che consiglio daresti al nuovo allenatore?
"Non darò nessun consiglio. Ti saluto, ti auguro buona fortuna e vado avanti".

Non diresti 'Cerca di trattenere Harry Kane'?
"Questo è ovvio. È uno dei migliori attaccanti al mondo".

Ti è piaciuto lavorare con Kane?
"Mi è piaciuto molto. Amo la sua intesa con Son".

Vedi l'ambizione di Ibrahimovic e Ronaldo in Kane?
"Sì, ma quando lavoravo con questi ragazzi vincevano titoli. Si tratta di eredità. L'eredità riguarda le medaglie. Ma chi lo sa? Fra cinque settimane Kane potrebbe essere un campione europeo".

Sono sicuro che non risponderai, ma dove pensi che Kane dovrebbe giocare l'anno prossimo?
"Penso che debba giocare dove è felice. E credo che sia felice in Inghilterra. È un ragazzo da Premier League".

Parliamo degli Europei. Sei emozionato?
"Sono sempre emozionato riguardo il calcio. C'è una pausa e mi sento perso e vuoto. Non so cosa fare dopo cena. Faccio zapping senza calcio".

Cosa pensi delle possibilità dell'Inghilterra?
"Possono vincere. Vedo solo che la Francia ha una squadra incredibile, ma a parte questo non vedo una squadra migliore delle altre".

Ti hanno mai offerto una panchina di una Nazionale?
"L'Inghilterra quando ho lasciato il Chelsea, ma ho capito che era troppo presto per me. C'era il Portogallo quando allenavo il . Era un'offerta pazzesca per un lavoro part-time. Ma è un tipo di lavoro che penso farò più avanti".

Hai detto che non sai cosa fare senza calcio. Quindi cosa fai per divertirti?
"Sono molto complicato. Sono totalmente assorbito dallo sport. Sono dipendente dalle Olimpiadi, dalla Formula 1, dal tennis. C'è solo uno sport che non ancora capisco, il cricket. Quando lavoravo per Sir Bobby Robson, non riuscivo a capire quanto amasse il gioco, perché non lo capivo".

È stato chiaramente un mentore per te. C'è qualcuno di cui ti consideri tale?
"Sono più di un mentore, sono un agente senza commissione. Ottengo così tanti lavori da tanti amici. La gente vuole consigli e opinioni".

Sapevi della Superlega prima di noi?
"Sapevo che il progetto era in ballo e sarebbe venuto fuori".

Sei rimasto sorpreso dalla rapidità con cui è crollato?
"Il modo in cui la gente ha reagito è stato incredibile. Sono un amante del calcio. Mi sono emozionato per quella reazione".

Se fossi stato al Tottenham o al Manchester United e ti avessero detto 'Questa è la Superlega, parteciperemo', avresti detto 'È un disastro comunicativo'?
"Non credo che abbiamo potere in nessun club in questo momento. Abbiamo potere in relazione alla nostra opinione. Penso sia scomparso il tradizionale manager di calcio con molto potere nel club".

Tornando agli Europei, dal punto di vista di un allenatore, cosa dovrebbe dire Southgate ai suoi cinque rigoristi?
"Conosci il mio record ai rigori? Ho perso due semifinali di ai rigori".

Allora?
"Quando mi fido dei giocatori più delle mie sensazioni non funziona. Per esempio, contro il Liverpool quando allenavo il Chelsea, uno dei giocatori non era nella lista. È venuto da me in mezzo al campo ad Anfield e mi ha detto 'Sono il primo o il quinto'?. E io ho risposto 'Sei il sesto o settimo'. E lui ha replicato 'Voglio tirare il rigore perché segnerò'. Così ho pensato 'Ok'. Ha tirato e ha sbagliato. Ho anche disputato la Supercoppa europea contro il Bayern. Ancora una volta il giocatore che aveva sbagliato non avrebbe dovuto tirare il rigore. L'ultima volta che è successo ho vinto. È stata la scorsa stagione, nel match tra Tottenham e Chelsea. È successa la stessa cosa e ho detto 'No'. L'Inghilterra non ha bisogno dei miei consigli ora".

Chi è il miglior giocatore che non hai mai allenato?
"".

Qual è la miglior partita a cui hai preso parte?
"Benfica-Porto. Per noi portoghesi è tutto. È tribale, Nord contro Sud".

Qual è il tuo piatto preferito?
"Vengo da una città di pescatori, ma amo la carne. Mi piace la carne di manzo con patatine".

Qual è la tua canzone preferita?
"Non direi di avere una canzone preferita, ma mi piace Bryan Adams, Bruce Springsteen e gli U2".

Qual è il tuo posto preferito al mondo?
"La mia città, Setubal".

Qual è la tua cosa preferita da fare in un giorno libero?
"Non ho giorni liberi. Non c'è un giorno in cui posso disconnettermi dal calcio, ignorare il telefono".

Infine, sii onesto, con tutto quello che hai ottenuto in carriera senti che ad ogni mossa ti stai avvicinando al sogno di allenare il West Ham (dice scherzando Corden, ndr)?
"Non è il mio sogno".

Se non è un sogno perché è fuori dalla tua portata, lo capisco perfettamente.
"Forse, James. Non sono un uomo da un club solo. È chiaro. Sono un uomo da tanti club. Roma è il mio futuro".

(thesun.co.uk)

VAI ALL'INTERVISTA E GUARDA IL VIDEO