Altre 24/03/2020 13:13

LIVE - Coronavirus: Sportiello positivo. Conte: "Restrizioni fino al 31 luglio? Tutto falso". Speranza: "Valuteremo ulteriori restrizioni giorno per giorno". Olimpiadi rinviate al 2021. Esodo degli stranieri dell'Inter. Il bollettino dello Spallanzani: 220 casi

L'emergenza Coronavirus non si arresta e tiene fermo il mondo del calcio. Ieri l'UEFA ha ufficializzato il rinvio delle finali di ed Europa League, mentre prosegue l'esodo dei giocatori stranieri dal nostro paese: gli interisti Handanovic e Brozovic gli ultimi autorizzati a partire. Questi gli aggiornamenti Live:

LIVE

22.28 - Diramato un comunicato ufficiale sul sito della Federcalcio a proposito dell'esito dell'incontro andato in scena oggi tra il Presidente Gabriele Gravina ed i presidenti delle varie Leghe. Annunciate, fra le altre, novità per quanto riguarda il prolungamento della stagione e per il rinvio del pagamento degli emolumenti fiscali. Programmata una riunione con tutte le parti in causa per il 26 marzo. Questo il comunicato in proposito:

"Si è tenuta oggi una riunione organizzata dal Presidente della FIGC Gabriele Gravina con i Presidenti della Lega di A Paolo Dal Pino, della Lega B Mauro Balata, della Lega Pro Francesco Ghirelli e della Lega Nazionale Dilettanti Cosimo Sibilia con l’obiettivo di allineare il mondo del calcio in merito all’analisi dei danni provocati dall’emergenza Covid-19, per poi trasmetterla al CONI.

Durante l’incontro, svoltosi in video conferenza nel pieno rispetto delle indicazioni per il contenimento del contagio da Coronavirus, la FIGC ha presentato lo studio, che tiene conto anche delle indicazioni delle Leghe, distinguendo in premessa, come impostazione metodologica, le priorità sul tema dell’emergenza da sottoporre in tempi stretti al Governo, dalle proposte da presentare in un secondo momento nell’auspicata fase di ripartenza.

Le prime riguardano iniziative per fronteggiare la crisi di liquidità nel breve periodo, le seconde, invece, concernono interventi strutturali di sistema, per i quali il Presidente Gravina ha annunciato iniziative autonome della FIGC sui seguenti argomenti: il prolungamento della fine di questa stagione a dopo il 30 giugno; il rinvio del pagamento degli emolumenti fiscali; contributivi e assicurativi (comprese le rateizzazioni e le cartelle degli agenti della riscossione); il riallineamento della scadenza dell’art. 85 delle Noif (adempimenti Covisoc), l’adeguamento degli adempimenti delle Licenze Nazionali (es. fideiussioni e modalità ripianamento carenze patrimoniali) e la rinegoziazione a termine dei contratti sportivi e amministrativi di primo livello.

A tal proposito, il Presidente Gravina ha convocato per giovedì 26 marzo un’altra riunione con tutte le componenti federali (compresi calciatori, allenatori e arbitri), alla quale ne seguiranno altre, per stabilire il percorso comune da intraprendere per il bene del calcio italiano".

(figc.it)

VAI AL COMUNICATO UFFICIALE

22.23 - Bel gesto da parte di Lionel , che ha voluto contribuire alla lotta al Coronavirus. Stando a quanto riportato dalla versione online del quotidiano spagnolo, il campione blaugrana ha donato alla nobile causa un milione di euro, ripartendolo tra un ospedale argentino ed uno, invece, di .

(as.com)

VAI ALLA NOTIZIA ORIGINALE

22.20 - Il Premier Giuseppe ha rilasciato alcune dichiarazioni nel corso dello speciale dell'emittente televisiva. Queste le sue parole: "Lavoreremo e coinvolgeremo l’opposizione nel prossimo decreto che dovrà destinare cospicue risorse a imprese in difficoltà, famiglie e lavoratori. Raccoglieremo le loro istanze, certo non tutte”.

In questo momento non posso dare un ordine di grandezza alle risorse che verranno stanziate - ha continuato il Presidente del Consiglio -. Dobbiamo valutare bene, l’impatto negativo sulle imprese è molto diffuso, ci sono tanti comparti in sofferenza, interverremo per fare in modo che questo paese possa rialzarsi più forte di prima”.

"Pasqua? Non fatemi fare previsioni. Non risolveremo la situazione nei prossimi giorni ma confidiamo anche di non far passare un mese”, ha concluso .

(Tg5)

22.00 - Ha rilasciato alcune dichiarazioni per l'emittente televisiva il Ministro della Salute Roberto Speranza. Queste le sue parole: "È probabile che ci siano persone senza sintomi ma che sono portatori di questi sintomi. Lo sforzo, con queste misure drastiche – prima da solo e ora imitato da tutti i paesi europei, persino la Gran Bretagna. C’è una parte di persone che deve andare a lavoro, i nostri medici, chi consente elettricità, acqua, chi porta le vivande. Quello che non è essenziale deve prendersi una pausa. Lo ribadisco, vediamo qualche primissimo segnale, non dobbiamo farci illusioni né abbassare la guardia. Dobbiamo continuare il percorso di rigore intrapreso finora”.

"Valuteremo la possibilità di imporre maggiori restrizioni giorno per giorno - ha proseguito il Ministro -. Ogni scelta è frutto di un comitato tecnico-scientifico, il modello assunto da noi è stato imitato da tutti i paesi europei. Spero che queste misure diano i frutti che ci aspettiamo. Questa primissima luce segnali che, a due settimane di distanza, si inizia a vedere un cambiamento. Bisogna insistere e continuare in questa direzione. Il nostro auspicio è che le misure adottate creino condizioni per contenere il virus e poi aprire una fase nuova, non facilissima da gestire. Il virus sta dimostrando molta forza, attacca chiunque. Le conseguenze sono differenziate dallo stato di partenza: una persona più giovane, senza problemi, tende a difendersi meglio. I decessi avvengono per loro, ma anche su questo una vita è sempre una vita, giovane o anziana che sia".

20.50 - Nel corso della trasmissione 'Si Gonfia La Rete', in onda sull'emittente radiofonica, è intervenuto l'agente di Daniele Rugani, primo calciatore a risultare positivo al Coronavirus in Serie A. Queste le parole del procuratore: "Le comunicazioni ufficiali alle quali bisogna attenersi sono quelle della . L'importante è che il ragazzo stia bene. Sento Rugani tutti i giorni, ha avuto solo qualche linea di febbre, da allora nessun altro sintomo. Quando è successo il tutto, è stato molto responsabile: aveva avuto solo dei decimi e per poco tempo, ed era pronto anche ad allenarsi, ma lo ha comunicato immediatamente alla società e gli è stato fatto il tampone. Grazie al suo essere coscienzioso si è potuta evitare una situazione più grave".

(Radio Marte)

20.01 - Dopo la partenza di Brozovic e Handanovic, altri calciatori stranieri dell' lasciano Milano per riunirsi alle rispettive famiglie. Nello specifico si tratta di Lukaku, Moses, Eriksen, Young e Godin.

(ansa)

19:50 - Primo caso di Coronavirus per l'Atalanta. Positivo il Marco come annuncia il comunicato del club: "Con la presente si informa che le autorità sanitarie locali hanno comunicato in data odierna al Club la positività al Covid-19 del calciatore Marco . Marco attualmente è asintomatico. La quarantena preventiva, a cui erano stati sottoposti Marco e tutti i tesserati della prima squadra, terminerà in data 27-03-2020."

(atalanta.it)

VAI AL COMUNICATO

19:00 - Il presidente della Sampdoria Massimo Ferrero è intervenuto ai microfoni dell'emittente radiofonica parlando della situazione legata alla ripresa del campionato: "Scudetto? So che Lotito mi odierà ma così è la vita. Per me finisce così, con queste posizioni. Questa è la direzione da prendere. Facciamo un’ipotesi, ci danno un mese di preparazione dal 4 aprile, arriviamo al 4 maggio: dovremo fare dodici partite. Arriviamo ad agosto. Che succede con il campionato successivo? Cominciamo a parlare.”

(radio radio)

18:40 - Il Presidente del Consiglio Giuseppe  ha parlato alla nazione al termine del Consiglio dei Ministri che si è tenuto questo pomeriggio. Le sue parole: “Sono soddisfatto e orgoglioso della reazione che i cittadini stanno avendo alle nostre indicazioni. La stragrande maggioranza dei cittadini si sta conformando alle regole, questo ci deve rendere orgogliosi e ci permetterà di uscire quanto prima dall’emergenza. Per chi violerà le norme di contenimento saranno previste sanzioni pecuniarie da 400 euro fino a 3.000. Una proroga del blocco fino al 31 luglio? Assolutamente falso, siamo convinti di uscirne molto prima”.

17.00"E' una settimana decisiva e dobbiamo tenere alto il livello di attenzione soprattutto per alcune strutture a maggior rischio come le case di riposo. Oggi registriamo un dato in leggera crescita rispetto a quello delle ultime 24h con 188 casi di positività e 17 decessi, mantenendo un trend del 12%. L'andamento di oggi è legato principalmente a tre cluster: il primo la casa di riposo Giovanni XXIII di Roma, il secondo la Rsa di Nerola in provincia di Roma e il terzo l'Ini Città Bianca di Veroli in provincia di che insieme rappresentano 87 casi di positività". Lo comunica l'assessore alla Sanità e l'Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio Alessio D'Amato nella nota al termine dell'odierna videoconferenza della task-force regionale per il Covid-19 con i direttori generali delle Asl e Aziende ospedaliere e Policlinici universitari e ospedale Pediatrico Bambino Gesù. "Il dato davvero incoraggiante riguarda i guariti che nelle ultime 24 salgono di 40 unità arrivando a 103 totali, la crescita maggiore dall'inizio dell'emergenza. Sono usciti dalla sorveglianza domiciliare in 5.535. Ho inoltre appreso dalla direzione sanitaria dell'istituto Spallanzani che il poliziotto di Pomezia è stato trasferito dal reparto di rianimazione, dove era stato estubato, al reparto di degenza ordinaria. Un ulteriore segnale positivo sul decorso clinico del paziente", commenta l'Assessore D'Amato. La nuova app della Regione 'LazioDrCovid' in collaborazione con i medici di medicina generale e i pediatri di libera scelta, ha già registrato circa 60 mila utenti che hanno scaricato l'applicazione e 1.500 medici di famiglia e 130 pediatri di libera scelta collegati. Per quanto riguarda i dispositivi di protezione individuale sono stati distribuiti oggi nelle strutture sanitarie del Lazio 300 mila mascherine chirurgiche, 31.450 FFP2, 11.300 tute idrorepellenti e 142 mila guanti.

16.00 - "Just call me Carlo", Carlo . L'allenatore dell'Everton ha chiamato oggi un tifoso di 52 anni, un poliziotto già affetto da una patologia motoria e ora costretto a casa per il coronavirus, per una chiacchierata in amicizia. Lo racconta lo stesso su , postando anche il video della telefonata. gli chiede da quanto tifa Everton: "tifo Toffees dal momento prima di essere nato. E sono anche un suo grande ammiratore, Mr. . Goodison Park è come una seconda casa per me, tornerò appena tutto questo sarà finito". "Non sono 'il mister', sono Carlo -dice al tifoso- e quando potrai tornare sarai il benvenuto".

14.16 - È ufficiale: le Olimpiadi di Tokyo sono rinviate al 2021

14.00 - “Sono preoccupato per la sopravvivenza del prossimo campionato, non per questo”. Sono le parole del direttore tecnico dell’Udinese Pierpaolo Marino, che lancia l’allarme: “La Cina è stata travolta da questa sciagura due mesi prima di noi e ancora non ne è uscita, nonostante misure restrittive persino più severe. Come si può pensare che a maggio si possano rivedere i calciatori in campo? Io sono un manager e lavoro sugli scenari. Io sono preoccupato per il prossimo campionato, io a questo neppure ci penso più. Ripresa a maggio? Bisogna prendere delle decisioni adesso per evitare di compromettere la prossima stagione. Io faccio uno scenario a tre mesi, nel breve termine: e non vedo possibilità che il sipario possa rialzarsi su questo campionato

(Il Mattino)

13.30 - Manca solo l’ufficialità del CIO, ma le Olimpiadi di Tokyo previste per questa estate slitteranno al 2021. Lo conferma anche il Primo Ministro del Giappone Shinzo Abe: “Ho proposto di rimandare i Giochi Olimpici di un anno e il presidente Bach ha risposto che è d’accordo al 100%”.

13.00 - Curioso e significativo quanto fatto dall Miami di David Beckham. Il club, fresco di esordio nella Major League Soccer, ha deciso di modificare il proprio logo della società per mandare un messaggio alla popolazione americana. Lo stemma del club originale prevedeva due aironi molto ravvicinati ed intrecciati, il nuovo logo, invece, li vede ben distanti a conferma del segnale che la squadra di Beckham vuole mandare.

12.30 - Anche Pepe Reina, ex di e Milan, ora in prestito all'Aston Villa, ha avvertito i classici sintomi del coronavirus. A renderlo noto è lo stesso Reina intervenuto all'emittente radiofonica spagnola: "Questa settimana sono stato io a dover fare i conti con il virus. Il momento più complicato l’ho messo alle spalle ormai, sono da due settimane chiuso in casa. Ho preso tutte le precauzioni per non infettare le persone che vivono con me. Come sto? Mi sono sentito come se un camion mi fosse passato sopra, ma ora tutto è alle spalle e mi sento benissimo. Qui in Inghilterra i tamponi non vengono eseguiti, a meno che tu non stia molto male e devi andare in ospedale per farlo. Parlando con i dottori mi hanno detto che i sintomi sono quelli, ma di fatto non ho avuto una conferma ufficiale".

(Cadena Cope)

12.25 - "Credo che quella partita del 19 febbraio, Atalanta-Valencia, abbia giocato un ruolo importante. Un terzo della popolazione di Bergamo si è concentrata in un stadio e poi ha festeggiato". Lo dice il consulente del ministero della Salute, Walter Ricciardi, in merito alla particolare diffusione del Coronavirus a Bergamo e nella provincia orobica. "Non è un caso che quella di Bergamo sia la zona più colpita e non caso che Valencia, cioè i cittadini che sono passati dall’Italia alla Spagna, abbiano fatto da trasmettitore nel loro Paese", aggiunge Ricciardi all'emittente televisiva.

(RaiNews24)

12.20 - 1.546 positivi al Covid-19 e 25 morti. È il bilancio registrato in Brasile che sta iniziando a conoscere le difficoltà derivanti da questa emergenza coronavirus. Intanto i club del campionato di prima divisione brasiliana hanno messo a disposizione i propri impianti per essere trasformati in ospedali da campo pronti ad accogliere coloro che hanno contratto il virus. Tra gli stadi che saranno convertiti in ospedale ci sarà anche lo storico Maracanã.

 

11.30 - I pazienti COVID-19 positivi sono in totale 220. Di questi, 25 pazienti necessitano di supporto respiratorio. In giornata sono previste ulteriori dimissioni di pazienti asintomatici o paucisintomatici. I pazienti dimessi e trasferiti a domicilio o presso altre strutture territoriali, sono a questa mattina 92. Il Poliziotto appartenente al Commissariato di Spinaceto, e da noi ricoverato, in giornata odierna ha lasciato la terapia intensiva ed è ospitato in reparto di degenza. È quanto si apprende da una nota dell'Istituto Spallanzani.

10.10 - Cade anche l'Australia, ultimo baluardo del calcio giocato. La FFA (la federcalcio australiana) ha annunciato di aver posticipato gli ottavi di finale della stagione 2019/20 della Hyundai A-League. Diretta conseguenza delle nuove misure introdotte dal governo australiano in seguito all'aumento dei casi di coronavirus nel paese. "Questo rinvio ha effetto immediato - si legge nella nota ufficiale - . La decisione è l'ultima di una serie di misure introdotte da FFA in risposta alla diffusione in corso di COVID-19 e arriva con il supporto unanime di tutti i club Hyundai A-League. FFA esaminerà la situazione nelle prossime settimane con un'ulteriore valutazione formale dello stato, prevista per il 22 aprile. La decisione riflette le rigorose misure di allontanamento sociale che sono state ora introdotte dal governo e l'introduzione di restrizioni alle frontiere statali in Australia e l'attuazione dei più alti livelli di restrizioni alle frontiere per la Nuova Zelanda. L'effetto cumulativo che al momento rende impossibile il proseguimento della competizione". Nei giorni scorsi il campionato australiano era proseguito con match a porte chiuse.

(ffa.com.au)

10.05 - Altri giocatori del nostro campionato fanno ritorno nei rispettivi paesi d'origine. L’, infatti, ha dato l’ok a Marcelo Brozovic e Samir Handanovic, che hanno terminato il rispettivo periodo di quarantena.. Possibile una partenza di Romelu Lukaku, che pochi giorni fa aveva dichiarato: “Sono rinchiuso e mi manca la mia quotidianità: stare con mia mamma, mio figlio e mio fratello”. Anche Matias Vecino e Diego Godin potrebbero fare ritorno in Uruguay.

(Gasport)