La penna degli Altri 14/03/2018 18:58

Roma-Shakhtar è un lungo abbraccio: nessuno è solo in mezzo ai romanisti

Dicono che nel momento dell'abbraccio tutto resti sospeso, che non ci sia tempo a scorrere inesorabile né leggi e né proibizione e né tantomeno desideri perché questi sono aboliti e ci sembra di esser appagati, sazi. Una pienezza nell'anima. Diffidate da chi vi dirà che ci si può e ci si deve abituare, ridete forte al cospetto di chi predica normalità nell'eccezionalità del quarto quarto [...]

Abbiamo visto capitani correre a ritroso come in un gesto innaturale, una carpa che si trasforma in drago nel lungo abbraccio con l'uomo abituato a festeggiare in solitudine. In mezzo ai romanisti nessuno resterà mai solo, soprattutto mentre la sfera rotola beata dove è giusto che il destino la spinga. Dove è giusto che la , lo Stadio Olimpico la attiri come calamita [...].

Ma soprattutto c'era un abbraccio capace di cristallizzare il momento per difenderlo dal nemico tempo e poi petti d'acciaio, astuzia ma soprattutto tanto cuore e un partire tutti se toccano uno, anche se è un giovane raccattapalle. Perché la vittoria è anche di chi ha beffato lo scorrere inesorabile dei secondi allontanando e spostando, nascondendo e cadendo gambe all'aria sotto un colpo gobbo, infecondo. Sul finir di questo abbraccio ci sono migliaia di cuori e un filo invisibile e un "Voglio solo star con te". Stare solo con la Roma e i suoi tifosi, perché in fondo nessuno può restare solo in mezzo ai romanisti. Soprattutto in un lungo abbraccio.

(Il Romanista - G. De Gennaro)

VAI ALL'ARTICOLO ORIGINALE