Interviste Partita 02/05/2018 23:08

Roma-Liverpool, DI FRANCESCO: "Roma in un'altra dimensione: fatto cose straordinarie, possiamo ripeterci. Il VAR ci avrebbe dato qualcosa in più..." (AUDIO)

Queste le dichiarazioni di , allenatore della Roma, rilasciate alla stampa a pochi minuti dal fischio d'inizio e al termine del match con il Liverpool:

DI FRANCESCO A PREMIUM SPORT - ASCOLTA L'AUDIO

Unanime il ringraziamento del mondo del calcio alla Roma per il percorso, i due rigori pesano sul bilancio della serata oggi.
Assolutamente no, quando si passa attraverso gli errori e una squadra non abituata, abbiamo dimostrato tanto e di essere cresciuti. Sono arrabbiato e rammaricato, la squadra doveva crederci di più. Come abbiamo fatto 3 gol al potevamo farne 4 al Liverpool. Faccio i complementi ai ragazzi perché sono stati straordinari. Non è stato facile, è stata quasi la partita perfetta, che non è stata fatta a Liverpool.

Qual è il gap da superare ora?
Chiederemo a tutti qualcosa in più, non sarà facile ma sarà importante tornare in anche l’anno prossimo. Possiamo competere in questa dimensione anche con tanti ragazzi giovani. Non è stato un cammino facile ma sicuramente di grande crescita. Non mi accontento, chiedo sempre qualcosa in più.

In campo arbitrale è gusto chiedere qualcosa in più alla Uefa?
Questo non tocca a me. Io penso alla crescita, non a protestare con l’arbitro. Invece di fare il loro gioco dovevamo fare il nostro gioco, siccome ci credevo per me abbiamo perso tempo.

Ricordiamo che la Roma è partita in terza fascia, devi essere orgoglioso. Bene a sinistra, meno a destra, quali le difficoltà di Schick?
Magari doveva venire dietro ad aiutare, ma loro hanno giocatori forti, importanti. È una squadra che ha dei valori ed ha investito tanto. Peccato per che ha avuto dei crampi e ha giocato benissimo. Ho da rimproverare poco alla mia squadra, ma ci sono delle piccole cose che ci portiamo dietro e che dobbiamo migliorare.

In campo i giocatori si sono resi conto degli errori arbitrali oppure è una visione che avviene dopo la partita?
Io credo di sì, ma ribadisco che non serve parlarne, che perdiamo tempo. È la dimostrazione di quello che stavamo facendo e che potevamo fare. Potevamo mettere alle corde il Liverpool con l’espulsione ma gli errori ne abbiamo commessi anche noi.


DI FRANCESCO A ROMA TV

La Roma esce a testa alta...
Peccato, io ci credevo anche sul 2-1 l'ho detto ai ragazzi negli spogliatoi che avevamo le potenzialità. Quando fai fare due gol con degli errori la cosa si complica, ma se ci avessero dato quello che meritavamo le cose potevano andare diversamente. Anche perder 2-3 minuti a discutere con l'arbitro è un'ingenuità. Peccato per il primo tempo di Liverpool. Oggi la squadra ha lavorato con cattiveria e determinazione, peccato per di due errori.

Cresciuti a livello di mentalità...
Si, sono veramente contento anche se bisogna fare sempre di più e crescere nei particolari, che sono quelli che oggi ci hanno fatto uscire dalla . Peccato per due errori che hanno rovinato una gara cattiva, giocata col cuore

Oggi avete dimostrato carattere...
Questa squadra sta diventando una squadra di uomini. Stiamo imparando dagli errori per venire fuori dalle gare come uomini e calciatori migliori. Il vero peccato è per stasera, perchè veramente potevamo essere a Kiev

Sulle respinte eravamo sempre in ritardo...
C'è sempre un margine di errore, il rischio c'è perchè magari una lettura sbagliata o un rinvio centrale invece che laterale può metterti in difficoltà. Quando si gioca contro tre attaccanti e si gioca in verticale in rischio è sempre grande.

Il pubblico di stasera?
Volevo fare i complimenti a questo pubblico. Mi sono emozionato e mi dispiace solo di non aver regalato a questa gente la gioia per una partita ancora più importante. C'è ancora il campionato e le prossime stagioni.


DI FRANCESCO IN CONFERENZA STAMPA - ASCOLTA L'AUDIO

Col VAR questa partita poteva avere un percorso diverso?
Ci hanno tolto qualcosa nel momento topico della partita. Ci siamo fatti due gol da soli, ma dal punto di vista dell’atteggiamento non posso dire nulla. Mi piange il cuore non aver potuto dare una serata magica a questa gente. Io ci ho creduto anche nel secondo tempo. Certo ci sono stati degli episodi davvero clamorosi, il VAR poteva darci qualcosa più che toglierci.

Ha dato una mentalità internazionale a questa squadra.
La ringrazio, con la mentalità si cresce. Ci sono stati errori, a partire dai miei. Detto questo, sono felice della crescità di mentalità ma manca ancora tanto. Quando due squadre giocano a viso aperto... E' come un incontro di pugilato, noi e il Liverpool abbiamo ragionato allo stesso modo, non abbiamo fatto lo stesso all'andata per un tempo. Sono felice della reazione, eravamo sotto di 2-1 facendoci due gol. Ce ne fossero però di gare come questa...

La Roma avrebbe meritato la qualificazione?
Il Liverpool non ha rubato nulla, ma se l'avessimo ribaltata... Noi abbiamo fatto 45' straordinari dopo un primo tempo spettacolare loro. Ha vinto la squadra che ha sfruttato meglio i particolari.

Il mercato?
Non è tempo di parlarne, sono invece felice della crescita della mentalità. Mi auguro di proseguire su questo percorso, non ancora sufficiente per diventare ambizioso.

Come si può crescere ed evitare certi errori come quelli in campionato.
Trattare ogni partita allo stesso modo, anche quando si è in difficoltà. All'andata il Liverpool ha corso più di noi, oggi le cose si sono quasi ribaltate. Non è un discorso tattico e di numeri, quando sei davvero dinamico come stasera puoi competere con tutti. Dopo il Qarabag la squadra è come se si fosse seduta. sono stato poco bravo io e poco bravi i ragazzi, certi errori non sono da ripetere.

Il prossimo anno a cosa si candiderebbe in , in caso di qualificazione?
Il mercato non lo faccio io, come gli obiettivi che sono compito della società. Questa squadra, una volta arrivata in semifinale, figuratevi se si accontenta di un bel girone... Sono arrabbiato perchè penso a quello che poteva essere. Ma ricordiamoci cosa si è fatto in passato. Abbiamo fatto davvero qualcosa di straordinario. Si può sempre ripetere, la Roma ha totalmente una dimensione diversa, dobbiamo cercare di non perdere quanto fatto quest'anno.

La sua dimensione, invece?
Sono sempre me stesso, porto avanti le mie idee e la mia filosofia, che sia europea o meno. Questa squadra ha dimostrato la crescita, anche con alti e bassi. Solo con questa mentalità si può davvero diventare grandi.